Dicembre da record per PensieriParole.it

gennaio 12, 2010 by · 1 Comment
Filed under: Siti internet 

Sorprendenti numeri di traffico per il Social Network più famoso d’Italia a ridosso delle festività natalizie.

Venti milioni di Pagine Viste e oltre tre milioni di Utenti Unici: sono i numeri di un Dicembre da record per PensieriParole.it. Il 2009 del noto Social Network Letterario è stato tutto un susseguirsi di iniziative e successi editoriali, ma pochi erano pronti ad un Dicembre tanto esaltante. Il periodo natalizio, infatti, ha fatto registrare dati di traffico praticamente raddoppiati rispetto alla media del sito e tutto questo crescente interesse da parte dell’utenza arriva sull’onda del clamoroso successo del concorso letterario “Come un granello di sabbia”, riservato agli utenti iscritti al portale. Oltre 3500, tra le migliaia di frasi e poesie giunte a PP, sono state ammesse a partecipare al contest il cui termine ultimo per partecipare è fissato per il 24 Gennaio 2010.

“Come un granello di sabbia”, iniziativa pubblicizzata con grande incisività sia sul web che sulla pagina Facebook del portale, ha fatto in modo che una nuova grande fetta di utenza online venisse a conoscenza del sito e delle opportunità editoriali che offre ai suoi fedelissimi.

L’editore Federico Illesi e la 20 Below Communication (www.20below.eu ) dell’AD Alessandro Righetti, concessionaria che cura l’adv online del sito, sono ovviamente entusiasti di questo ulteriore “step” nella storia del sito che, dopo innumerevoli iniziative editoriali e qualche importante upgrade sulla piattaforma online come l’aggiunta dei Trailer cinematografici, si ritrova ora a dover gestire un numero di accessi simultanei notevolmente incrementato. L’ultimo giorno del 2009 è stato, infatti, necessario appoggiarsi ad un secondo server per la banda ed il numero simultaneo di connessioni da gestire.


Un eterno don Chisciotte, racconto di Marinella Andrizzi

gennaio 6, 2010 by · Commenti disabilitati su Un eterno don Chisciotte, racconto di Marinella Andrizzi
Filed under: Salvate il Libro 

 

Quando ero piccola, ricordo spesso, i tanti racconti che mio nonno inventava. A me che faticavo a stare sulle gambe, quale menestrello senza riposo, raccontava storie di fate, gnomi e piccoli personaggi che individuavo nei miei giocattoli, nei pupazzi ancora gelosamente conservati. Crescendo un po’, anche le sue invenzioni si adeguarono alla mia nuova capacità infantile di apprendere. Una ridda di damigelle, principi innamorati, contendenti perfidi e draghi, si avvicendarono in quei pomeriggi e serate altrimenti monotone. Uno stupendo nonno, sempre pronto a sognare per la sua unica nipotina, mille nuove avventure ed amori difficilissimi, se non impossibili. Principi d’ogni colore, non solo azzurri, tanto per rompere la tediosa ripetitività, si rincorrevano nella mia testolina, inseguiti dalla voce dolce e suadente di quel magico narratore. Persino molte varianti di Biancaneve e Cenerentola trovarono ragion d’essere nella fervida immaginazione dell’infaticabile inventore che, qualche volta, dovevo essere io a risvegliare, per fargli continuare il racconto che, sul più bello, s’interrompeva per l’improvvido arrivo di Morfeo. Anche al parco, vicino casa, trainandomi sul mio bel triciclo rosso, pretendevo storie di lupi cattivi e bambine in pericolo, regolarmente salvate da giovani e bellissimi cacciatori o combattenti cavalieri coraggiosi. Dove, per incanto, divenivo proprio io l’eroina, la principessina da salvare ed amare. Oggi mi chiedo a cosa servissero veramente quelle favole. Cose assurde, invenzioni fantasiose, impossibili e contro ogni logica, senza il minimo legame con la diuturna realtà. Mi ritrovo sola e quasi grande, il 14 Gennaio compirò ben 16 anni (prossima alla vecchiaia), eppure vorrei che il mio compleanno fosse allietato ancora una volta dalla presenza di quel magico e vecchio cantore, il quale, purtroppo, smise per sempre di inventar storie, poco dopo il mio settimo genetliaco. Giustamente, mi domando: perché mi mancano tanto quelle assurdità così prive di fondamento? Si possono assommare sogno e realtà? La fantasia può avere una qualsiasi valenza positiva nella vita reale? Mi capita tra le mani un vecchio libro di Cervantes: “Don Chisciotte della Mancha”. Lo avevo già letto ma, dopo anni, tutto assume una differente luce. Riscopro la bellezza della sublimazione della fantasia. Un servo che rappresenta la realtà, prosaica e quotidiana, pur tuttavia indispensabile. Un vecchio ed improbabile cavaliere che prende le sembianze dell’immaginifico, la parte più nobile d’ogni essere umano, la materializzazione del sogno e di tutto ciò che fa parte dei ricordi e del passato da cui apprendere per poter capire. Una vita che non è come è, ma che, attraverso arbitrarie parentesi, originate dall’indeterminabile labirinto onirico dell’io più recondito, trasformano la vita in qualcosa che è come si vorrebbe che fosse. Un cavaliere, il quale, con immani sacrifici, attraverso l’immaginazione, riesce a sconfiggere il peggior nemico: se stesso! La morte lo prenderà alla fine del suo immane duello, al raggiungimento dello scopo. Un’epoca che termina il suo lungo volo, cedendo il passo alla nuova. Così com’è e dovrà essere la vita. Chiuderà per sempre quegli occhi che, ad un distratto lettore, sembreranno quelli di un povero pazzo incapace di vedere ed analizzare la realtà. Invece, occhi di un uomo indomito con se stesso e risoluto contro l’antagonista più irriducibile ed avverso: il proprio destino! Qual è la morale di questo mio pensiero? Adesso, grazie a Cervantes, so a cosa dovevano servire quei racconti, quelle adorabili bugie. Ora, stringendo tra le mani il meraviglioso e, tutt’altro che vecchio libro, posso addormentarmi serena, abbandonandomi a sogni e ad immaginazione; senza più paure, incertezze e timori, sapendo che, a ben guardare, mio nonno sarà lì con me, il prossimo 14 Gennaio e tutti gli altri giorni a seguire, anche senza la vecchia e rugginosa armatura. Di certo, assieme alla sempre più bella Dulcinea. Ovvero: la sua fantasia! Fantasia che mi ha saggiamente lasciato in eredità, non disgiunta da un semplice e pragmatico buon servitore, sempre pronto a ricondurre, chi si solleva troppo nel sogno, sulla terra ferma!

Marinella Andrizzi

Ho vinto il primo premio per narrativa e il secondo per poesia al concorso “Poeti per caso” ediz. 2006, con il racconto: “La bambola di pezza” e la poesia: “L’alba dell’anno dopo”. Finalista al concorso “Alla luce delle Mainarde”, ediz. 2005, con il racconto: “Un grande viaggio. (Una finestra per amica)”. Vinsi anche un concorso di poesie alle medie, ma non ricordo più come si chiamava. Grazie!


Insoliti. Un salotto di racconti e musica in luoghi insoliti della Valle d’Aosta

agosto 9, 2009 by · Commenti disabilitati su Insoliti. Un salotto di racconti e musica in luoghi insoliti della Valle d’Aosta
Filed under: Eventi 

 

Insoliti. Un salotto di racconti e musica in luoghi insoliti della Valle d’Aosta

L’Assessorato dell’istruzione e cultura organizza la rassegna itinerante Insoliti. Un salotto di racconti e musica in luoghi insoliti della Valle d’Aosta, ideata e prodotta dall’associazione Sinequanon di Alessandra Celesia e con la collaborazione dei Comuni di Aosta, Chamois, Cogne, La Salle, La Thuile, Saint-Christophe, Saint-Marcel e la CVA-Compagnia Valdostana della Acque.

L’iniziativa si svolgerà dal 10 al 22 agosto 2009 in luoghi insoliti della Valle d’Aosta, quali una centrale elettrica, una diga, un giardino alpino, un parco di un castello privato, un sito industriale in disuso, un paese che si raggiunge solo in funivia, una torre piezometrica e molti altri a cui si abbinano letture di illustri autori del calibro di Bukowski, Carver, Verga, Zola e Poe.

«Un salotto di racconti sotto le stelle – dichiara l’Assessore Laurent Viérin – per valorizzare, attraverso la lettura, la musica e la recitazione, luoghi insoliti che sono parte della storia della Valle d’Aosta e ricchi della memoria delle sue genti».

Le dieci serate che compongono l’evento vedono ricostruito, in ciascuno di questi luoghi insoliti, un vero e proprio salotto, dove lo spettatore può sentirsi completamente a proprio agio. Durante le serate vengono distribuiti tè caldo, coperte e pantofole, il tutto in una atmosfera rilassante alla luce di piccole abat-jour e allietata da musica suonata dal vivo da Christian Thoma – oboe, corno inglese e clarinetto, Karsten Lipp – chitarra e Stefano Riso – contrabbasso.


Questo il programma:


10 agosto COGNE, Giardino botanico alpino Paradisia – Niccolò Ammaniti
11 agosto SAINT-CHRISTOPHE, Parco del Castello Passerin d’Entrèves – Charles Bukowski
13 agosto CHAMOIS, Arrivo della funivia – Dino Buzzati
14 agosto LA THUILE, Giardino botanico alpino Chanousia – Edgar Allan Poe
16 agosto SAINT-PIERRE, Cofruits – Emile Zola
17 agosto LA SALLE, Maison Gerbollier – Daniel Pennac
18 agosto SAINT-MARCEL, Area ex Montecatini – Michail Bulgakov
20 agosto VILLENEUVE, Centrale elettrica – John Fante
21 agosto AOSTA, Torre piezometrica – Raymond Carver
22 agosto BIONAZ, Diga di Place Moulin – Giovanni Verga

Tutti gli spettacoli, ad ingresso gratuito, iniziano alle ore 21.00 e non necessitano di prenotazione.

Per ulteriori informazioni:
Assessorato Istruzione e Cultura
Direzione promozione beni e attività culturali
Tel. 0165.273457-273430
www.regione.vda.it


Concorso letterario nazionale per racconti inediti

gennaio 28, 2009 by · Commenti disabilitati su Concorso letterario nazionale per racconti inediti
Filed under: Uncategorized 

 

Napoli – La casa editrice Scrittura & Scritture bandisce il concorso letterario nazionale a titolo Uomini di trama per racconti esclusivamente inediti e in lingua italiana scritti da uomini, che abbiano come protagonista almeno unpersonaggio maschile, difantasia o realmente esistito, purché noto nel mondo dello spettacolo, del cinema, della musica, del calcio, della storia, della letteratura, fumetti, religione, arte, ecc ecc. La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti icittadini di sesso maschile italiani, europei, extraeuropei, di qualunqueetà purché maggiorenni. Si può partecipare con un solo racconto che dovrà pervenire entro e nonoltre il giorno 3 ottobre 2009 (farà fede la data del timbro postale) al seguente indirizzo:Scrittura & Scritture – Concorso Uomini di trama -C.so Vittorio Emanuele, 421- 80135 Napoli. Saranno selezionati 11 racconti che verranno pubblicati in un’unicaantologia dalla casa editrice Scrittura & Scritture nella prima metà del2010, senza alcun costo da parte degli autori e che sarà promossa e distribuita nelle librerie italiane e attraverso tutti i canali di cui dispone lacasa editrice.


Regolamento integrale e modulo di adesione disponibili e scaricabili su

www.scritturascritture.it 

 per maggiori informazioni telefonare alnumero 0815449624 o inviare un email a

info@scritturascritture.it

Scrittura & Scritture – Corso Vittorio Emanuele 42180135 Napoli

Tel e fax 0815449624


Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network